Lavoro in Svizzera

Notizie utili ed offerte di Svizzera. Cantone italiano, Ticino, Zurigo, Berna e Lugano

lavoro in svizzera

Lavorare nella Svizzera italiana

Lavorare in Svizzera per molti è una scelta ben mirata e non solo una necessità dettata dalla crisi che sta colpendo il nostro paese. Nella Repubblica Elvetica infatti, gli stipendi sono mediamente più alti, anche a parità di posizione lavorativa o tipo di contratto.
E, pur arrivando ormai da dovunque, è indubbio che siano le zone di confine a rappresentare quelle di flusso migratorio maggiore. Una serie di accordi tra Repubblica Elvetica e Comunità Europea ha reso, in taluni casi, meno complessa o addirittura non necessaria, la trafila per entrare in possesso di un permesso di lavoro. I cittadini Ue, infatti, se la ricerca di un lavoro non dura più di tre mesi non hanno bisogno di alcun permesso.
La Svizzera e il Canton Ticino in particolare, offrono buone opportunità lavorative anche perché la maggior parte dei titoli di studio sono automaticamente riconosciuti. La dove non lo fossero le autorità possono riservarsi delle verifiche, che in genere sono comunque piuttosto veloci. Per avere tutte le informazioni necessarie consigliamo di rivolgervi al Dipartimento Federale per l'Educazione Professionale e la Tecnologia.

Svizzera

cantoni svizzeriLa storia della Svizzera è più che mai legata e influenzata dalla sua posizione geografica: nonostante le sue dimensioni ridotte la sua ubicazione al centro dell'Europa ne ha fatto sempre un posto strategico, soprattutto per la sua ubicazione rispetto ai valichi alpini.

Il governo federale, nato nel 1948, è venuto incontro all'esigenza di regolamentare le spinte separatiste delle diverse regioni; spinte che, se non controllate, avrebbero potuto comportare dispersione e separatismo selvaggio. La costituzione della forma federalista ha dato modo al nascente stato di trovare un equilibrio tra le esigenze di snellezza e autonomia territoriale con una struttura più coerente e solida. Struttura alla cui base vi è stato, fin dall'inizio, il principio della neutralità.

Sistema Fiscale Svizzero

fisco svizzeroIl sistema fiscale svizzero è, sia per le imprese sia per le persone, tra i più bassi d'Europa. E a mantenerlo così basso,oltre ad una stabilità politica che ha pochi eguali in Europa, è anche quella cosa sana che si chiama concorrenza: comuni e cantoni, due delle tre strutture che riscuotono le imposte, grazie ad un diverso regime fiscale mantengono la pressione delle tasse notevolmente bassa; tra il 15 e il 25% per le aziende e, addirittura tra il 5 e il 20% per le persone.

Possedere un contratto di lavoro a tempo indeterminato, o della durata di almeno un anno, è la condizione necessaria per chi voglia ottenere questo permesso per esercitare un lavoro. Alcuni accordi bilaterali tra Italia e Svizzera consentono quella che viene definita la mobilità geografica e professionale per cui, il lavoratore, può cambiare Cantone e datore di lavoro. La domanda deve essere presentata al Servizio Regionale degli Stranieri e, se correttamente compilata in ogni sua parte, da diritto ad iniziare l'attività.

Permesso di Lavoro e Soggiorno

permesso di lavoroL'argomento permessi di lavoro è di fondamentale importanza per chi vuole lavorare in questo paese. Riportiamo le informazioni di base che restano valide fino a quando saranno applicate totalmente le norme introdotte con i risultati del referendum del febbraio 2014

Norme di base

Cominciamo con il dire che i diversi permessi di lavoro sono determinati dal fatto che essi dipendono da fattori molteplici quali la cittadinanza di chi li richiede, le qualifiche e competenze lavorative e gli eventuali legami che i richiedenti hanno con il paese elvetico. Diciamo, per dare un'introduzione generale all'argomento permessi di lavoro, che la Svizzera applica due sistemi di base:

Ultime notizie dal blog

Intesa fiscale italo-svizzera

Importanti modifiche Questa intesa fiscale italo-svizzera, firmata dai ministri delle finanze dei due paesi, eviterà certo le doppie imposizioni. ma sono molte le novità in gioco e coinvolgeranno ampi settori del comparto finanziario. Importanti novità anche per i frontalieri. In pratica tutto ciò risponde ad una generale e mondiale tendenza . . . Continua

La Svizzera non sanziona la Russia e l’export ci guadagna

Ue sanziona e la Svizzera ci guadagna Le sanzioni imposte dalla UE alla Russia stanno creando, e creeranno ancor più in futuro, grossi problemi a molte aziende che, con la Russia, stanno facendo affari d’oro. E, se è lecito pensare che molte di queste aziende troveranno comunque degli escamotage per . . . Continua

L’economia svizzera ad una svolta

La Svizzera non è un’isola Sostanzialmente è questo il vero problema. la crisi degli altri paesi europei ha portato ad una stagnazione nelle richieste appunto dei clienti esteri. E la Svizzera sta cominciando a risentirne. A far parlare di stagnazione è, come sempre, il PIl, famoso o famigerato parametro che . . . Continua

Svizzera: aumento dell’occupazione e dei frontalieri

Ufficio di Statistica Difficile districarsi tra numeri, dati e opinioni. Ma quando è un organo ufficiale, come l’Ufficio federale di Statistica di Neuchatel, a mettere nero su bianco alcune cifre allora, forse, è il caso di fare qualche ragionamento. E da queste cifre emerge che nel Canton Ticino, e in . . . Continua

In Svizzera mancheranno professionisti qualificati

Cosa accade Continuiamo con la ricerca su quanto si sta discutendo in Svizzera rispetto alle conseguenze del referendum dello scorso febbraio. Se ci concentriamo sull’argomento non è certo per spirito di polemica ma solo perché pensiamo abbia qualche interesse per chi vuole, o vorrebbe, lavorare in Svizzera. Nelle nostre ricerche . . . Continua